var tf_mobile_menu_trigger_point = 900;

 

 

CORSO DI LAUREA
IN SCIENZE DELLA DIFESA
E DELLA SICUREZZA

 

 

L’evoluzione che i concetti di difesa e di sicurezza hanno avuto negli ultimi anni, sia a livello nazionale che internazionale, ha progressivamente reso necessario uno sviluppo di competenze in grado di integrare, nei percorsi formativi universitari afferenti alla classe L/DS (Scienze della Difesa e della Sicurezza) conoscenze culturali diversificate e più profonde.

In questo senso risulta sempre più urgente la necessità di conferire, ai membri delle forze dell'ordine e dei corpi militari in particolare, le competenze metodologiche, professionali, culturali e relazionali negli ambiti economico-manageriale, giuridico, psico-sociologico e tecnico-informatico, che costituiscono il contenuto del loro operato quotidiano. Un simile obiettivo va perseguito attraverso una formazione interdisciplinare che conduca a formare figure professionali capaci di interpretare efficacemente il cambiamento e l'innovazione organizzativa e metodologica in materia di sicurezza, sviluppando un approccio problem solving in grado di integrare prospettive diverse.

In particolare il percorso di studi, all’interno dei parametri istitutivi del corso di Laurea in questione, riserva un congruo approfondimento alle materie delle aree economico-manageriali, tecnico-informatica e socio-antropologica, tali da accrescere le conoscenze in materia di prevenzione, ancor più che repressione, delle consolidate quanto delle nuove fattispecie di attività criminali, a livello nazionale ed internazionale.

Il corso risponde, in termini di sviluppo culturale e professionale, ad un’altra sensibilità, sempre più viva all’interno delle stesse Istituzioni demandate alla gestione della difesa e della sicurezza: dotare i propri operatori della conoscenze e della consapevolezza necessarie a tenere equilibratamente conto delle esigenze della prevenzione e della repressione, da una parte, e del rispetto dei diritti individuali, da un'altra.

Le esigenze, come sopra rappresentate, trovano, poi, un riscontro esplicito nel decreto legislativo 95/17 con il quale si avvia il processo di riqualificazione e riordino delle Forze di Polizia, nel cui contenuto una parte rilevante è dedicata proprio alla formazione, di matrice universitaria, dei quadri intermedi ed apicali, per i quali, fino ad ora, la premialità della quota esperienziale era prevalente rispetto alla formazione accademica multidisciplinare.

La carica innovativa del processo voluto dal provvedimento legislativo citato, impone, sia per l’immissione che per la progressione, una qualificazione a tutto tondo dell’operatore di sicurezza, che sappia, come già illustrato, aumentare il contributo professionale attraverso uno sviluppo integrato e multidisciplinare del proprio profilo culturale.

Parimenti, gli operatori della sicurezza nel settore privato hanno la necessità di mantenere il livello, come già illustrato in significativo incremento nel settore pubblico, della qualificazione professionale, attraverso un approfondimento delle competenze nell’ambito soprattutto delle discipline economiche e giuridiche, particolarmente di taglio internazionale, per risultare adeguati all’offerta di lavoro che i player professionali del settore della sicurezza privata (agenzie internazionali, gruppi multinazionali e operatori locali della sicurezza) propongono a supporto ed integrazione della copertura pubblica.

Numerosi documenti, analisi, ricerche e studi di settore, mostrano come emerga, a livello globale, una rinnovata esigenza di rafforzamento degli attori, pubblici e privati, che operano nel settore della sicurezza e della difesa e, quindi, una domanda di competenze e di professionisti ed esperti in grado di sostenere interventi che riguardano in senso ampio la gestione, in chiave preventiva più ancora che repressiva, delle nuove minacce criminali e terroristiche che, con modalità e vigore rinnovati, minacciano la stabilità degli assetti sociali ed istituzionali. L’Italia deve recuperare, anche in questo segmento, un forte ritardo e le misure di rafforzamento di questo sistema sono in corso e destinate ad un ulteriore potenziamento

Il vantaggio competitivo del Corso è avere basse barriere all’ingresso, essere rivolto ad un ampio target di potenziali fruitori, puntare su una consolidata esperienza dell’Ateneo in materia di intelligence, difesa e sicurezza.

RICHIEDI INFORMAZIONI

<

Ai sensi del d.lgs. n. 196/2003 e degli artt. 13 e 14 del GDPR 2016/679, autorizzo LCU al trattamento dei miei dati personali.

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close